Post

Visualizzazione dei post da maggio, 2011

Lol(ita)

Immagine
Primaverili effervescenze. Si avvicina l'estate. Sole. Pelle. Profumi. Giovani sensualità. Incantesimi di vetuste giumente. Lolita. Milf. LOL ita! Siamo qui, goliardicamente adagiati sugli allori del Made in Italy. Ridicolezze. Vergogne. Discese. Stop. Abbiamo goduto abbastanza. Abbiamo regalato troppi sorrisi. Torniamo a sudare. - Immagine: Stanley Kubrick Lolita - Alizée: Moi Lolita - Milf: American Pie - Goliardia su Wikipedia - Made in Italy, un film di Nanni Loy

Pro(muovere)

Immagine
Still or sparkling? Stasi o movimento? Ozio o fermento? Quaero ergo sum. Agorafobiche premonizioni. Misantropiche certezze. Agognate condivisioni. Connessioni silenti. Rimpianti. Desideri. Sogno e realtà. Sfida. Viaggio. Stanzialità. Nomadismo latente. Cosa siamo? Chi siamo? Cosa vogliamo fare? Chi vogliamo essere? Marketing. PR. CV. ADV. Ci sono persone a questo mondo, Bob, che hanno un'aria molto solenne mentre fanno quello che devono fare. E lo sai perché? Perché non sanno quello che fanno. Perché se sai quello che fai, non devi avere l'aria di saperlo, ti viene naturale... - Immagine: Voss Water - Quaero, l'improbabile anti google - ADV ads of the world - The Big Kahuna, il film - The Big Kahuna, le citazioni

Pro(getto)

Immagine
Dal latino proiectum , participio passato del verbo proicere , letteralmente traducibile con gettare avanti ... Sono un pro-gettista che getta avanti e fatica a gettare dietro le spalle. Elaboro proiezioni future di oggetti, di emozioni. Conservo tutto: oggetti, emozioni. Collezionista borderline, feticista vintage, paper addicted. Incatenato al passato per catapultarmi nel futuro. Il presente? Assente. - Immagine: ARCO desk Olivetti su diadesign - Vintage furniture design - Progetto su Wikipedia - Borderline su Wikipedia - Feticismo su Wikipedia - Addicted su Wikipedia

Form(azione)

Immagine
Le assenze nascondono, talvolta, presenze. Mi sono messo in discussione. Di nuovo dietro ai banchi di scuola. Formazione è azione. Ricerca è sete. Imparare è energia. Socratiche consapevolezze di ignoranza. Fluire di informazioni. Sonnecchiose serate che sfamano sinapsi affamate di scintillanti curiosità. Strade alternative di conoscenza. Ho ritrovato la mia strada, fatta di design non disegnato, di idee non ideali, di creatività non creata, di letture illeggibili, di istinto e cultura. Nulla, in fondo, deve per forza essere ciò che ci si aspetta. E mi vien voglia di insegnare... - Immagine: libri illeggibili di Bruno Munari - Sapere di non sapere: Socrate su Wikipedia - Vittorio Gassman: letture - Big Bang Theory: Sheldon insegna

Latitanze

Immagine
Dove sono finito? Faccio fatica a ritrovarmi. Sono alla ricerca del dono dell'obliquità. Ubiquità? No, no. Obliquità. Vorrei essere in un piano inclinato e come in un esperimento galileiano trovare accelerazione senza far fatica, senza dover impiegare risorse mentali e fisiche, senza dovermi infilare in complessi sistemi di acceleratori di energia. Invece sono impantanato nella giungla, in balia di mostri invisibili. Faccio tante cose e forse nessuna. Sono comodamente adagiato come Joe Colombo sulla sua Elda, con la falsa percezione di rimbalzare da una Sedia per visite brevi all'altra... Non posso permettermi altri Erase and rewind. Raccolgo le mie cose e le porto a compimento, così come sono. E penso a improvvisazioni progettate, istinti disegnati, investimenti creativi. Nel frattempo, cerco di imparare da chi ha già fatto e da ciò che è già stato. - Immagine: NoNò Chair by Stefano Soave - Galileo Galilei su Wikipedia - il CERN su Wikipedia PS:Ciao Andrea! - Pred

Ufficio, Fabbrica Creativa?

Immagine
C’era una volta EIMU Milano. Punto di riferimento Europeo per l’ergonomia e la tecnologia nell’arredo degli spazi di lavoro, ha perso progressivamente terreno in ambito tecnico, trasformandosi nel SaloneUfficio modaiolo che oggi conosciamo, passando il testimone del primato tecnologico ad Orgatec Colonia. Qualche anno fa il tentativo da parte della fiera milanese di riappropriarsi del primato continentale, sovrapponendosi di fatto nel calendario alla fiera tedesca, si è concluso con pessimi risultati. Il SaloneUfficio raccoglie i cocci e dopo tre anni di assenza dal panorama fieristico internazionale, si presenta nel 2011 con tanti buoni propositi, primo fra tutti il progetto di porsi come polo aggregante per definire il nuovo ruolo dell'ufficio moderno, quello di emanciparsi dalla funzione banalmente operativa evolvendosi ad uno stadio superiore di fabbrica creativa. Perso il primato tecnologico, SaloneUfficio si lancia all’assalto del primato come evento creativo nella ges

Pain(t)

Immagine
Invento nuove nuance: bianco casuale, bianco distratto, bianco frettoloso.