Post

Visualizzazione dei post da Giugno, 2012

Design Management, questo sconosciuto...

Immagine
Fine giugno, fa molto caldo. Sono concentrato sul foglio, metto le crocette con attenzione nonostante sia la brutta copia. Rileggo tutto con calma un paio di volte prima di inserire i dati definitivamente. No, non è l’esame di Maturità, è il questionario di iscrizione per partecipare alle candidature 2012 del Design Management Europe Award. Hanno pubblicato il questionario da pochi giorni, c’è tempo fino a Settembre, ma ho proprio voglia di fare il punto della situazione con calma, senza fretta. Il questionario DME, oltre che essere indispensabile strumento di candidatura al concorso, è anche un ottimo strumento di autovalutazione, sia come imprenditore che come designer. Quanto Design c’è nella mia azienda? Quale Design c’è nella mia azienda? Quali strumenti e quante risorse ha dedicato la mia azienda ai processi innovativi? Quanto è percepita nella mia azienda l’importanza del design come volano di crescita? Quanto e come è percepita dal mercato? Abbiamo raggiunto dei risultati

PMI, il nordest e la crisi.

Immagine
Qualche giorno fa grazie a Linkedin ho scoperto il blog di una giovane professionista molto interessante. Il tema che ha attirato la mia attenzione è quello della gestione delle Piccole Medie Imprese, le famose PMI. La mia attività primaria, dal 1997, è quella di piccolo imprenditore (anzi, secondo i parametri più diffusi, riconosciuti anche da EDC per gli studi di Design Management, la mia attività è classificabile come Micro Impresa). Devo fare mea culpa e ammettere che sui temi economici e finanziari mi sono sempre mosso senza troppa cognizione di causa, basando le mie decisioni e valutando quelle dei miei familiari coinvolti in azienda più con il buon senso che con strumenti e conoscenze adeguate. Avere un buon commercialista che ti segue da sempre e del quale hai piena fiducia aiuta a tranquillizarti un po', ma devo ammettere che certe scelte avrebbero bisogno di maggiore conoscenza specifica. Buona parte del problema delle PMI, soprattutto le micro imprese e le imprese a

Microsoft Surface: Netlet o Tabbook?

Immagine
La presentazione è fresca fresca, le mie impressioni sono molto istintive e poco circostanziate, inoltre non sono un esperto di informatica, sono solamente un utilizzatore attento di tecnologia, oltre che un designer. Premetto che non sono un utente Apple, semplicemente perché il mio lavoro, il mio tempo libero, le mie abitudini non ne contemplano la necessità. Io sono il più possibile fedele ad Asus nei computer e a Samsung nella telefonia, ma penso fermamente che Apple sia sempre la prima scelta per chi vuole alta affidabilità, alte prestazioni, design al top... inoltre la mia ammirazione per il lavoro di Jonathan Ive è altissima. Dopo questa (dovuta) premessa, vi dico cosa penso dell'operazione Surface di Microsoft, lasciando in sospeso il giudizio sulle capacità hardware e software, parlando di design strategy. Surface nasce ovviamente come follower di iPad, ma non dimentichiamolo, anche dalla carneficina dei tablet che lo hanno per primi inseguito. Ho letto i commenti di mo

Volunia e i Power Rangers

Immagine
ah no.. i Power User... Qualche giorno fa, dopo mesi dalla mia richiesta, quelli di Volunia mi inviano le credenziali di ingresso come Power User, per testarlo un po'... e scopro quasi subito che il mio status di power user durerà solo una settimana circa, perché poi l'accesso sarà pubblico... wow... voi di Volunia sapete proprio come valorizzare l'esperienza utente e l'apporto di idee dalla rete! Complimentoni. Svogliato mi accingo comunque a fare il mio dovere di power user, ovvero provare, interagire... poi ci sarebbe il passo finale, quello per cui dovrebbero esistere i power user: dare un feedback e partecipare alla crescita di un progetto. Mi inserisco nella chat room dedicata ma mi rifiuto di partecipare alla discussione... cosa ci trovo? Gente che chiacchera del più e del meno, qualche riga a tema, una montagna di spam... segno che voi di Volunia dopo la scottatura della presentazione continuate a prendere il sole a mezzogiorno senza protezione... io

SEO x tutti

Immagine
SEO (Search Engine Optimization), ovvero ottimizzazione per i motori di ricerca. Materia complessa, materia inflazionata. Tutti la vogliono, tutti la cercano, tutti la fanno. Un progetto di SEO strutturato necessita di professionisti affidabili, tutti noi possiamo però attuare delle strategie e delle tattiche SEO che possono migliorare sensibilmente l'indicizzazione dei nostri contenuti web, in particolare nei social network. Ci viene in aiuto PerSEO. Come dice Wikipedia: Per poter raggiungere Medusa, Perseo doveva procurarsi tre cose: dei sandali alati per spostarsi a gran velocità, una sacca magica per riporvi la testa recisa e l'elmo di Ade che rende invisibili. Intanto Atena gli aveva fornito uno scudo lucido come uno specchio, raccomandando all'eroe di guardare Medusa solo di riflesso . Per sconfiggere i tentacoli della rete servono i sandali alati della curiosità, la sacca magica piena di contenuti, l'elmo che rende invisibili le nostre operazioni di ottimiz

Tecnigrafi Bieffe: Vintage Design

Immagine
Lavoro da quindici anni nel mondo del workplace design, in particolare nel settore dell'arredo tecnico per uffici creativi, uffici di progettazione e didattica tecnica. Eredito da mio padre una vita passata tra Bieffe e Zucor, le aziende più importanti al mondo nella produzione dei tavoli da disegno e tecnigrafi dagli anni 60 agli anni 90. Tavoli da disegno e tecnigrafi sui quali sono stati progettati (prima che arrivassero il computer e il CAD) ponti, grattacieli, automobili, persino il Concorde. La mia attività di imprenditore e designer è quindi una conseguenza della passione trasferita da mio padre, che tuttora guida l'azienda di famiglia, nata dalla sua esperienza maturata in queste due grandi aziende padovane. Tradizione che la nostra azienda porta avanti dopo la chiusura di Bieffe e Zucor in Italia, proprio negli stessi stabilimenti in cui quelle aziende operavano nel secolo scorso. Oggi io e mio padre abbiamo coronato un piccolo sogno. Grazie ad un nostro collaborato

Packaging Design: Coppa del Nonno

Immagine
Packaging Design: ovvero come si vestono i prodotti di consumo. Sono andato a fare la spesa al supermercato. Hanno cambiato il packaging dei miei biscotti preferiti. Il formato della confezione è lo stesso di prima, la grafica no. Panico, non trovavo quello che cercavo tra le gondole (cos'è la gondola? Gondola è il termine tecnico con cui si identificano gli scaffali tipici della grande distribuzione). Eppure quei biscotti erano davanti ai miei occhi, mimetizzati, perché il mio cervello stava cercando altro, un colore diverso, un segno diverso, un'emozione diversa. Alla fine, scandagliato da cima a fondo lo scaffale, sono riuscito a vederli, nel loro anonimo look rivisitato. Quando pensate al progetto di un prodotto pensate anche a chi dovrà sceglierlo tra altri, pensate a dargli un'identità. La coppa del nonno, ad esempio, si fa riconoscere da sempre tra tutti i gelati. Ma questa è un'altra storia... - Immagine: Coppa del Nonno, progetto di S.Gregor

Brand Design e Personal Branding

Immagine
Come costruire la nostra immagine online e offline? Come rendere noi stessi un brand? Come aumentare e consolidare la percezione delle nostre competenze o brand reputation ? La discussione evidenzia prima di tutto alcune parole chiave: specializzazione, condivisione, contenuti, rete. La competenza specifica in un campo settoriale consente di far uscire dal rumore di fondo la nostra voce, la condivisione del sapere aumenta il numero di orecchie disposte ad ascoltarla, la qualità dei contenuti aumenta l'autorevolezza della nostra voce, la gestione accurata della rete ne consente l'amplificazione. Un progetto di personal branding ha quindi l'obiettivo di far percepire la nostra competenza alla rete, influenzandone l'opinione. Che si utilizzino strumenti "analogici" come laboratori e seminari oppure "digitali" come blog e twitter, un buon progetto di personal branding  trasforma noi stessi in una marca. Internet è uno strumento indispensabile per ragg