Politica: Italia ed Europa

C'è chi spara a zero sulla politica, chi spara a zero sull'antipolitica. C'è chi spara cazzate, c'è chi spara davvero e c'è chi si spara davvero... di nuovo guelfi e ghibellini, inquisizione e streghe, guardie e ladri, scapoli e ammogliati? Di nuovo destra, sinistra, centro? Ma cos'è la destra, cos'è la sinistra, cos'è il centro? La destra è impantanata nel populismo, nel velinismo e nel nepotismo, la sinistra incatenata ad un immobilismo oligarchico e il terzo polo, inconsistente nuvola di moderatismo, si scioglie... (ve l'avevo detto di metterlo in freezer). E poi c'è l'Europa che viene e che va, gli europei che si sentono popolo e non capiscono lo spread, le banche che si sentono potenti e non capiscono il presente, figuriamoci il futuro, i ricchi sempre più ricchi e i poveri sempre più poveri. Le parole d'ordine sembrano essere inquietudine, solitudine, incertezza, paura, aggressività. Mors tua vita mea? Nel secolo scorso tutto questo si è trasformato in guerra. Abbiamo l'opportunità di entrare nella storia, versando un caleidoscopio di colori in testa alla morte. Contaminazione, cultura, condivisione, speranza. Tutto questo, forse, ci salverà.


Post popolari in questo blog

Appunti di Design Management: Cultura del progetto nella Piccola e Micro Impresa. Edizione 2020

ABITUDINICREATIVE: ONLINE IL MIO NUOVO SITO

ADI Design INDEX 2019